Pubblicato in: Salute bambini

Rischio obesità infantile con wi-fi e microonde in gravidanza

di linda 27 agosto 2012

Il rischio di obesità nei bambini aumenta se durante la gravidanza la madre si è esposta a campi magnetici relativamente forti come quelli generati dai forni a microonde o dai dispositivi wi-fi. E’ questa la conclusione a cui sono giunti i ricercatori del Kaiser Foundation Research Institute al termine di uno studio che ha seguito le gravidanze di centinaia di donne americane, controllando per 13 anni lo sviluppo di crescita di 733 dei loro figli, in 33 fasi della loro vita. I risultati finali di questo studio sono stati pubblicati dalla rivista Scientific Report.

I dati sono stati registrati da un particolare strumento fatto indossare alle future madri in grado di misurare l’esposizione alle onde emesse da Wi-Fi ed altri apparecchi. La salute di questi bambini è stata poi monitorata fino al raggiungimento dell’età di 13 anni, raccogliendo informazioni su parametri di crescita e peso. Si è così potuto constatare come l’esposizione a livelli medi di onde elettromagnetiche emesse da Wi-fi e simili aumenta il rischio di obesità del 50%, percentuale che sale fino all’84% nel caso di esposizione elevata.

E’ per queste conclusioni non proprio rassicuranti che il Codacons, in applicazione del principio di precauzione e in attesa di un responso definitivo da parte degli scienziati, chiede attraverso un comunicato stampa di arrestare “la corsa ai dispositi wi-fi, intrapresa ormai da molti comuni”. Sono sempre di più, infatti, i comuni italiani che stanno realizzando la copertura di reti wi-fi nel loro territorio per consentire a tutti i cittadini, anche a quelli che non se lo possono permettere, di avere un accesso libero e gratuito ad internet. Le amministrazioni, però, in questo modo non terrebbero in considerazione la salute dei loro cittadini. “Peccato – sottolineano al Codacons – che nessuno sia ancora in grado di escludere possibili conseguenze negative sulla salute dell’uomo, come dimostra lo studio appena pubblicato”. Questa corsa alla modernità probabilmente non deve essere arrestata ma, sempre secondo l’associazione dei consumatori, si devono tenere in considerazioni determinati parametri di sicurezza. Per il Codacons “andrebbe almeno proibita l’installazione del wi-fi in prossimità di asili, scuole, parchi pubblici, ospedali, biblioteche ed altri luoghi sensibili frequentati da bambini e donne incinte”. Almeno finché non si avranno dei risultati certi che escludano pericoli per la salute delle persone dovuti all’esposizione sempre maggiore di queste onde elettromagnetiche.

Una replica a “Rischio obesità infantile con wi-fi e microonde in gravidanza”

  1. Pidocchi scrive:

    In genere non mi fido delle ricerche svolte in USA legate all’obesità. Le loro abitudini alimentari sono insane.